Conviene ancora aprire un ecommerce?

Condividi l'articolo

Presi dai facili entusiasmi del successo del colosso dell’ecommerce Amazon, molti contatti che ricevo sono richieste per l’apertura di un ecommerce. Ma oggi, agli inizi di un 2018, conviene davvero aprire un sito ecommerce?

Faccio una breve premessa, di professione realizzo siti web e web application, quindi dovrei avere tutto l’interesse a consigliare l’apertura di un ecommerce, ma non é cosí.

Ti do un dato brutale: negli ultimi anni ho realizzato alcune decine di ecommerce. Oggi, a distanza di anni, ne sono rimasti attivi e creano fatturato solo 2. Nella mia esperienza, le probabilitá che un sito ecommerce abbia successo, sono attorno ad un 5%.

Per capire se conviene aprire un ecommerce, le domande giuste da farsi sono poche ma fondamentali.

  1. Il prodotto che vendo rappresenta una nicchia di mercato?
  2. Il prodotto in vendita é assente su Amazon?
  3. L’offerta per quella nicchia é satura?
  4. Esiste interesse per quel tipo di prodotto?
  5. Riusciró ad avere un approvvigionamento costante dei beni e ad un prezzo concorrenziale?

Se la risposta ad una sola di queste domande é no, investi diversamente.

Cerco di spiegarti meglio il mio punto di vista. Alcuni anni fa, quando le vendite online erano ancora territorio per pionieri, aprire un sito ecommerce era relativamente semplice. Il massimo della concorrenza che potevi avere era rappresentato dai negozi fisici, da siti ecommerce concorrenti al tuo e da eBay. Un po di lavoro di SEO, ed il gioco era fatto.

All’epoca mancava un autentico leader di mercato: le concorrenza di eBay, per quanto forte, lasciava grandi spazi di manovra. La difficoltá principale era convincere il visitatore che tu eri serio, che avresti spedito davvero il bene acquistato e che potevano contare su di te per l’assistenza post vendita.

Poi un bel giorno é poi spuntato fuori Amazon che ha cambiato le regole del gioco. Se il prodotto che vendi é un prodotto generalista, oggi hai una concorrenza praticamente impossibile da battere. Sfido qualunque negoziante a riuscire ad applicare le stesse condizioni di vendita di Amazon, con lo stesso livello di assistenza Clienti e offrire lo stesso livello di credibilitá.

Oggi quindi conviene ancora investire in un proprio sito ecommerce? Forse sí, ma solo il pochissimi casi che ti posso riassumere di seguito:

  1. Il prodotto che vendi deve essere difficilmente reperibile nei negozi tradizionali e totalmente assente dai principali marketplace (Amazon, eBay, Alibaba…).
  2. Il tuo ecommerce dovrá rappresentare una specifica nicchia di mercato. Inutile tentare di vendere online prodotti generalisti: Amazon ti schiaccerá, inoltre avrai anche una forte concorrenza dai negozi tradizionali. Devi specializzarti in qualcosa che tu e solo tu potrai avere. Vuoi un esempio? Specializzati in vendita online di ostacoli per conigli da corsa!
  3. Vendi prodotti di nicchia assieme ad altri 20 ecommerce e tutti sono nelle prime pagine di Google? Io non investirei: a meno che la tua offerta non stravolga il mercato, ti ritroveresti in concorrenza diretta con altri negozianti online, ed in poco tempo sarete costretti ad una guerra su prezzi ed offerte dove solo il Cliente finale trarrá beneficio. Classico esempio di concorrenza perfetta.
  4. Il prodotto che vendi deve essere richiesto e non ci deve essere offerta. Mi spiego meglio: se vendi cover per iPhone avrai mercato, ma con una concorrenza spietata. Se vendi ostacoli per conigli da corsa, quasi sicuramente avrai poca concorrenza… ma alla fine dell’anno quanti ostacoli avrai venduto??
  5. Il prodotto che vendi deve essere venduto ad un prezzo concorrenziale ed essere piú o meno sempre disponibile. Ti immagini cosa succederebbe se poco prima del Natale, periodo che rappresenta il picco di vendite dell’anno, non riuscissi a reperire i famosi ostacoli per i conigli da corsa e tu fossi costretto a chiudere le vendite? Stessa conseguenza se tu fossi costretto ad acquistare a prezzi altissimi, e dovendo applicare un ricarico, i tuoi ostacoli per conigli avessero prezzi di un 30/40% superiori alla media?

Vendita online di ostacoli per conigli da corsa – Fonte: Wikipedia

Considerate tutte queste situazioni, posso assicurarti per esperienza in prima persona che investire nella creazione di un sito ecommerce é un attivitá ad alto rischio imprenditoriale.

Vorresti aprire un ecommerce? Secondo me é una buona scelta solo sei il produttore del bene ed quello che vendi ha poca concorrenza e molta richiesta. Di fatto é quasi impossibile riuscire a soddisfare tutte queste condizioni, per questo che il tasso di successo di un sito ecommerce é di un 5% circa.

Se hai letto questo mio articolo fino a qua, probabilmente ti starai chiedendo per quale ragione ogni settimana esce qualche servizio al telegiornale che parla della crescita esponenziale dell’ecommerce, ed io che di professione li realizzo, ti sconsiglio di investirci.

Ti spiego subito: ammettiamo che ogni anno il commercio online cresca del 20%: dati da far girare la testa!! Ora, se ogni anno il numero di ecommerce aumenta del 50% rispetto allo scorso anno, sai che il risultato finale sará solo una riduzione del fatturato medio per ogni commerciante rispetto allo scorso anno? Sei davvero sicuro di voler ancora investire?

Se mi stai ancora seguendo, adesso ti chiederai perché se per lavoro faccio siti web, ti stia sconsigliando di realizzare il tuo sito ecommerce. Te lo spiego subito: se fai una ricerca online troverai decine, centinaia di miei colleghi pronti a farti firmare un contratto per la realizzazione di un sito ecommerce, magari a prezzi stracciati.

A me non interessa vendere a tutti i costi un mio servizio, a me interessa acquisire un Cliente con cui avere rapporti professionali duraturi. Se ti consigliassi di fare un ecommerce e tu rientrassi in quel 95% dei casi di fallimento, pensi che parleresti bene di me? Mi consiglieresti ai tuoi amici? Io ne dubito…

Ti piacerebbe aumentare il tuo fatturato? Io ti consiglio di non investire nell’ecommerce. Investi invece in modo da far conoscere piú possibile i servizi che tu e solo tu sei in grado di offrire: non dovrai cercare Clienti, saranno loro a cercare te. Non sai come fare? Contattami per una consulenza gratuita!


Condividi l'articolo